Comunicato di ANDI Roma

 

Nei giorni scorsi ho inviato alla Colgate-Palmolive, su richiesta di molti soci di ANDI Roma, una lettera di contestazione dell'iniziativa i-denti card. Tale lettera è stata iniviata per opportuna conoscenza anche ai colleghi di cui era disponibile l'indirizzo. Ho poi riscontrato che tale lettera ha avuto una vasta circolazione anche al di fuori del circuito ANDI, segno questo che i-denti card sta suscitando critiche o comunque un'attenzione di senso negativo in un'area molto vasta dell'odontoiatria, indipendentemente dall'afferenza a sigle sindacali. Mi sembra quindi corretto ed utile inviare, per gli stessi canali già utilizzati, la risposta che ho ricevuto da parte dell'Ufficio legale della Colgate. Non aggiungerò commenti in merito essendo una lettera evidentemente di difesa della loro iniziativa, ci sarà tempo e modo di replicare. Noto solo due aspetti che, comunque evidenzio nel testo per maggiore chiarezza.

 

Il primo aspetto, e forse tra i due il meno importante, è che l'iniziativa i-denti card viene da Colgate omologata nella risposta al mese della prevenzione ANDI; si tratta di una legittima ma scarsamente efficace chiamata in corresponsabilità dell'ANDI. Il mese della prevenzione infatti è gratuito per il cittadino, finalizzato esclusivamente alla prevenzione delle patologie orali ed è limitato nel tempo e organizzato da ANDI (17.000 iscritti); i-denti card è organizzato da Colgate in collaborazione con Europassistance e con il patrocinio di ADI (iscritti ?) e Collegio dei Docenti (iscritti ?), è a pagamento per il cittadino, non è finalizzato alla sola prevenzione delle patologie orali, dura un anno ed è a pagamento per il cittadino. Le differenze sono enormi ed è evidente che si sta creando un vero circuito commerciale di vendita delle prestazioni alla stregua di ogni altro prodotto (saponi, detersivi, spazzolini ecc.), operazione sulla quale sarà necessario fare una riflessione.

 

Il secondo punto di particolare rilievo è il fatto di rivendicare un beneplacito sull'iniziativa da parte della Commissione centrale per l'Odontoiatria della FNOMCeO (vd testo sotto riportato). Non so se questo risponda al vero ma se così fosse sarebbe di enorme gravità. Sono certo, conoscendo la prudenza e l'esperienza dei colleghi impegnati in tali incarichi ordinistici, che una svista del genere non è stata certo compiuta, d'altra parte trovo poco credibile il fatto che il responsabile dell'ufficio legale della Colgate vada millantando credito. Anche a questo punto, ossia sul ruolo dell'istituzione ordinistica e degli uomini che la rappresentano, sarà necessario dedicare l'opportuna attenzione.

 

Su tutta la materia sarà comunque necessario (e credo che ANDI sarà molto attiva in questo) chiedere alla categoria un'attivazione per una campagna di pressione. Mi sarebbe prezioso conoscere inoltre se siano state intraprese azioni, anche a livello locale, in materia.

 

Vi comunico infine che un'azienda di rilevamenti statistici (sondaggi commerciali) sta conducendo un'indagine presso gli studi odontoiatrici per rilevare quali prodotti di quali marche, in materia di prevenzione orale, i dentisti consiglino in studio e usino in famiglia. Se tale iniziativa fosse legata a questa situazione indicherebbe che la Colgate si sta preparando a subire un boicottaggio commerciale e sta misurando la situazione, per monitorare in una fase successiva, le perdite economiche nel settore dei dentisti/consumatori. In merito vi chiedo di informarmi se siete stati intervistati, quando ed in che provincia.è il vostro studio.

materia

 

Posto che è probabile (anzi lo auspico) che anche questa mail abbia una circolazione superiore al normale circuito di ANDI, e di ANDI Roma nello specifico, vi invito a fare riferimento, per eventuali comunicazioni all'indirizzo di posta elettronica andi.roma@tibernet.it.

 

Marco Aguiari

Presidente Provinciale

ANDI sezione di Roma

 

 

----- Original Message -----

From: Enrico De Toma <Enrico_De_Toma@COLPAL.COM>

To: ANDI Roma <andi.roma@tibernet.it>

Cc: <servizio.consumatori@COLPAL.COM>; <ColgatePro_ca@COLPAL.COM>; <colgatepro_cs@COLPAL.COM>; <Colgatepro_pr@COLPAL.COM>; <Info@i-denticard.com>; <nicola.albarino@europassistance.it>; <giovanni.dolci@uniroma1.it>; <webmaster@fnomceo.it>; <rmomceo@tin.it>

Sent: Monday, March 25, 2002 4:36 PM

Subject: Re: Disapprovo l'iniziativa i-denti card - I disagree with i-denti card initiative

 




Egregio Dottor Aguiari,

La  ringrazio  per  le  parole di stima con cui Ella ha inteso aprire il proprio
messaggio e ben volentieri rispondo.

Il  progetto  "Un  sorriso  lungo  un  anno"  è  stato  lanciato in Italia dalla
Colgate-Palmolive  a  partire dal 1° marzo 2002. Esso prevede la possibilità per
il  pubblico di valersi delle prestazioni professionali di una rete di dentisti,
convenzionati  con  un  primario  operatore del settore, quale Europ Assistance,
secondo  tariffe  predefinite e distribuiti su tutto il territorio nazionale. L'
accesso   a   tale   rete   di   dentisti  è  facilitato  da  un'apposita  carta
identificativa,  la  "i-denti  Card  Colgate", che tutti gli interessati possono
ritirare presso i punti vendita gratuitamente e senza obblighi d' acquisto e che
varrà per il titolare e per i suoi familiari conviventi fino al 30 giugno 2003.
Il progetto "Un sorriso lungo un anno" ha ottenuto il beneplacito della
Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri e
vanta il patrocinio dell' ADI, Associazione Dentisti Italiani e del Collegio dei
Docenti di Odontoiatria.

Questa doverosa premessa giustizia di alcune inesattezze contenute nel Suo
messaggio in merito alla meccanica dell'operazione e mi consente di entrare nel
merito delle Sue due domande.

1)  Con il progetto "Un sorriso lungo un anno" la Colgate-Palmolive testimonia,
anche nel nostro Paese, il modo attivo in cui l' Azienda intende vivere il
proprio ruolo di leader mondiale dell' igiene orale e l'impegno, da essa profuso
in tutto il mondo, per il benessere e l' elevamento degli standard sanitari
della popolazione. E' peraltro ben chiaro, dalle indicazioni che Le ho fornito
più sopra, come sia esclusa qualsiasi intromissione nel rapporto diretto e
fiduciario tra il cittadino/paziente ed il dentista che egli ha scelto.
Un'iniziativa come questa è emblematica del concetto di responsabilità sociale,
che è sempre più presente nella vita delle imprese moderne : ne fanno fede
esperienze che vanno dalle sponsorizzazioni culturali al volontariato. E'
francamente strano vedervi elementi di "turbativa", anzichè manifestare
apprezzamento ; ed è francamente ancor più strano che la critica venga dall'
ANDI, Associazione attiva da anni ed anni in un programma di segno simile, quale
il "Mese della Prevenzione Dentale" promosso dalla linea Mentadent della nostra
concorrente Unilever (un' altra "multinazionale della produzione e
commercializzazione di prodotti per la salute orale").

2) L' ADI, Associazione Dentisti Italiani ed il Collegio dei Docenti di
Odontoiatria hanno valutato gli intenti, la portata sociale e l'attendibilità
scientifica del progetto "Un sorriso lungo un anno" e gli hanno liberamente
conocesso il proprio appoggio, chiaramente di ordine morale, com'è nel diritto
di espressione di qualsiasi soggetto giuridico : nessuno ha peraltro mai preteso
od adombrato che ciò fosse inteso come rappresentanza dell'intera categoria
odontoiatrica, rappresentanza che tali organizzazioni, tantomeno l' ANDI
detengono. Sulla stessa falsariga si è espressa peraltro anche la Federazione
Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, la cui
competente Commissione ci ha manifestato il proprio "apprezzamento per le
finalità informative e di prevenzione dell'iniziativa stessa, che valorizza
correttamente il ruolo dell'odontoiatria a tutela della salute pubblica".
La Colgate-Palmolive risponde delle proprie attività alla legge ed alle Autorità
preposte. Per quanto specificamente riguarda le informazioni operative cui Ella
ha fatto cenno, la Colgate-Palmolive ha adottato tutte le opportune forme di
comunicazione dovute al pubblico, attraverso la pubblicità a mezzo stampa/TV e
gli ulteriori contatti ivi indicati (sito Internet e numero verde). A
completamento, preciso che la rete di dentisti convenzionati con Europ
Assistance è operativa fin dal 1998 ed è organizzata sulla base di adesioni
volontarie aperte a tutti i legittimi esercenti la professione odontoiatrica.

La ringrazio dell'attenzione e Le invio i migliori saluti.

Colgate-Palmolive Italia
Avv. Enrico De Toma
Direttore Legale