DICEMBRE  2003
 

Home Page
Indietro
NOVEMBRE   1999
DICEMBRE   1999
GENNAIO   2000
FEBBRAIO   2000
MARZO  2000
APRILE   2000
MAGGIO   2000
GIUGNO   2000
LUGLIO   2000
SETTEMBRE   2000
OTTOBRE   2000
NOVEMBRE   2000
DICEMBRE   2000
GENNAIO  2001
FEBBRAIO  2001
MARZO  2001
APRILE  2001
MAGGIO  2001
GIUGNO  2001
LUGLIO   2001
SETTEMBRE   2001
OTTOBRE   2001
NOVEMBRE   2001
DICEMBRE   2001
GENNAIO   2002
FEBBRAIO  2002
MARZO   2002
APRILE   2002
MAGGIO   2002
GIUGNO   2002
LUGLIO   2002
SETTEMBRE  2002
OTTOBRE  2002
NOVEMBRE  2002
DICEMBRE  2002
GENNAIO  2003
FEBBRAIO  2003
MARZO 2003
APRILE  2003
MAGGIO   2003
GIUGNO  2003
LUGLIO  2003
OTTOBRE  2003
NOVEMBRE  2003
DICEMBRE  2003
MAGGIO  2004

 

bullet

Scienziati americani fanno crescere condilo mandibolare da staminali

    Cellule staminali prelevate da topi hanno permesso di far crescere in laboratorio ossa e cartilagini dell'articolazione della mandibola umana. Autori dell'esperimento i ricercatori dell'università dell'Illinois di Chicago. Il metodo di ingegneria tissutale utilizzato per creare il condilo mandibolare, dicono i ricercatori, potrebbe essere adoperato in futuro per far crescere altre articolazioni, per esempio quelle del ginocchio o dell'anca, degenerate in seguito a traumi o a malattie come l'artrite.
L'obiettivo degli scienziati è quello di dare vita a un condilo che sia biologicamente vivo, capace di integrarsi con le ossa e di restituire all'articolazione la sua normale funzione.

 

bullet

Agrumi contro i tumori della bocca

    Arance e madarini avrebbero un effetto preventivo nei confronti di tumori alla bocca, alla laringe e allo stomaco. Lo dimostra uno studio condotto dal Commonwealth scientific and industrial research organization (Csiro), istituto di ricerca australiano.
I ricercatori hanno esaminato 48 studi internazionali sugli effetti degli agrumi sulla salute. Dai risultati raccolti hanno visto che il consumo di arance e simili ridurrebbe del 50% il rischio di sviluppare alcuni tumori del tratto digestivo e proteggerebbe inoltre dalle malattie cardiovascolari riducendo del 19% il rischio di ictus. Gli agrumi contengono infatti molti antiossidanti (le arance in particolare) che sono in grado di inibire la crescita delle cellule tumorali e di fortificare il sistema immunitario.

 

bullet

Medicinali inefficaci per metà dei pazienti

    Che le medicine non funzionino sempre e che quel che fa bene a uno non serva a un altro è scontato, ma, se il problema viene sollevato da una persona che ricopre un ruolo importante in una industria farmaceutica, fa scalpore. Allen Roses, direttore della divisione di ricerche genetiche della GlaxoSmithKline ha ammesso candidamente che per quasi la metà dei pazienti i farmaci con cui si stanno curando sono inefficaci. Acqua fresca o, peggio, fonte di fastidiosi effetti collaterali.
Perciò un nuovo settore della ricerca, la farmacogenetica, si propone di adattare le cure modellandole sul patrimonio genetico delle persone malate.
L’ipotesi di partenza è che, conoscendo per ogni individuo i geni (frammenti del Dna) che governano la produzione delle proteine coinvolte nel processo di assorbimento e di degradazione del farmaco all’interno dell’organismo, si possa prevedere chi risponderà positivamente a quel trattamento e chi no.

 

bullet

Persone solitarie e irascibili più soggette a problemi alle gengive

    Le persone irascibili e solitarie, che soffrono di quelli che vengono definiti disturbi antisociali della personalità, corrono rischi maggiori di sviluppare problemi alle gengive. Lo afferma uno studio dell'università di Harvard che ha esaminato 523 operatori sanitari maschi. Si è così scoperto che chi è più incline all'ira corre un rischio del 43% maggiore di soffrire di periodontite rispetto a chi, invece, ha un carattere più mite. Chi ha almeno un amico fidato ha il 30% di probabilità in meno di avere problemi alle gengive rispetto a chi è un cosiddetto eremita sociale.
Secondo il team di Harvard, è lo stress legato a queste condizioni che fa aumentare la secrezione glucocorticoide (che può deprimere le difese immunitarie) e fa aumentare la resistenza all'insulina. Fattori che, insieme alla scarsa igiene orale spesso associata a questo tipo di disturbi, fanno aumentare il rischio di periodontite. Divorziati, vedovi e "zitelli" si sono rivelati i soggetti più vulnerabili.