SETTEMBRE   2001
 

Home Page
Indietro
NOVEMBRE   1999
DICEMBRE   1999
GENNAIO   2000
FEBBRAIO   2000
MARZO  2000
APRILE   2000
MAGGIO   2000
GIUGNO   2000
LUGLIO   2000
SETTEMBRE   2000
OTTOBRE   2000
NOVEMBRE   2000
DICEMBRE   2000
GENNAIO  2001
FEBBRAIO  2001
MARZO  2001
APRILE  2001
MAGGIO  2001
GIUGNO  2001
LUGLIO   2001
SETTEMBRE   2001
OTTOBRE   2001
NOVEMBRE   2001
DICEMBRE   2001
GENNAIO   2002
FEBBRAIO  2002
MARZO   2002
APRILE   2002
MAGGIO   2002
GIUGNO   2002
LUGLIO   2002
SETTEMBRE  2002
OTTOBRE  2002
NOVEMBRE  2002
DICEMBRE  2002
GENNAIO  2003
FEBBRAIO  2003
MARZO 2003
APRILE  2003
MAGGIO   2003
GIUGNO  2003
LUGLIO  2003
OTTOBRE  2003
NOVEMBRE  2003
DICEMBRE  2003
MAGGIO  2004

 

Bentornati dalle vacanze e grazie per aver portato a più di 10.000 i contatti avuti con il nostro sito!!
Iniziamo subito con tre notizie riguardanti la prossima entrata in scena dell'EURO.

 

bullet

EURO / 1

Il Comando generale dei Carabinieri ha messo in allarme tutti i cittadini, perché in vista dell'uscita di scena della Lira, sono previsti ingenti quantità di banconote  FALSE in circolazione, come saldi di fine stagione. Le banconote europee saranno infatti molto più difficili da contraffare, essendo previsti anche ologrammi con il valore del foglio e il simbolo dell'Euro. Perciò anche qui si raccomanda la massima attenzione.

 

bullet

EURO / 2

A proposito del simbolo ( ) della nuova moneta, chi è informatizzato a studio, se ha ancora Windows 95,  deve scaricare una PATCH dal sito Microsoft, altrimenti non potrà vedere e stampare valori espressi nella nuova valuta.
Per le versioni successive di Windows e per Office 2000 non esistono problemi, visto che è già tutto compreso nel programma (basta schiacciare contemporaneamente CTRL + ALT + e).

 

bullet

ALLARME  VIRUS

Un nuovo, terribile virus è stato isolato in questi giorni: si chiama NIMDA. Nimda attacca i web servers su cui sono installate versioni non recentissime del software Microsoft Internet Information Server. Se la macchina viene infettata, tutte le pagine dei siti che ospita diventano strumento di contagio: quando il visitatore le visualizza sul computer, automaticamente parte un programmino che scarica ed esegue il virus sul suo disco fisso. Quando invece la propagazione avviene mediante mail, essa tipicamente contiene un attachment "readme.exe". Il file ne produce un altro denominato "mepXXXX.tmp.exe" che viene generalmente posizionato nella directory "Windows\Temp". Tale file compromette la sicurezza del file system condividendo i drive locali dei personal computer sulla rete. Nella maggior parte dei casi non è necessario cliccare sull'attachment per metterlo in moto: è sufficiente aprire il messaggio.
È buona norma in tal caso bloccare il collegamento al fine di evitare l'ulteriore propagazione del worm stesso.
Controllate la vostra versione di antivirus e se NIMDA è compreso nella virus list del programma.
In caso di dubbio fate controllare il vostro Hard Disk attraverso il link in basso a sinistra nella Home Page.